Le materie prime

La carta deriva da fibre vegetali e sostanze minerali. Le fibre vegetali, che provengono in massima parte dal legno, si dividono in:

  • Fibre lunghe: provengono dal legno resinoso
  • Fibre corte: provengono da legni di tipo latifoglia

Le sostanze minerali invece sono:

  • Carbonato di calcio
  • Caolino
  • Talco

Per la produzione di paste cartarie si utilizza del legnamo a basso costo, ovvero:

  • scarti di di legno di ogni tipo
  • piccoli tronchi non utilizzabili in altri contesti

Il legname proveniente dalla foresta si cerca di utilizzarlo il meno possibile, oppure di utilizzare piante che hanno già un’età avanzata e che non stanno crescendo. Anche se non sembra, il riequilibrio ambientale è di fattore importanza per le cartiere perchè se non si piantano nuovi alberi, prima o poi gli alberi rimanenti finiranno e non ci sarà più carta.

Le diverse fibre vegetali utilizzate nelle paste cartarie sono:

  • cellulose
  • paste semichimiche
  • paste chemitermomeccaniche o chemimeccaniche
  • paste meccaniche

In quest’ultimo caso per separare le varie fibre vegetali da utilizzare per scopi cartari si usa la lignina, ovvero il collante naturale che tiene unite le fibre. Attraverso determinati processi industriali la lignina viene eliminata e le fibre vegetali vengono separate.