Archivio mensile:dicembre 2017

La storia della carta

La carta è onnipresente nella nostra società. Nessun materiale ci accompagna più pienamente durante il giorno. Dal giornale al tavolo della colazione ai file in ufficio, dalla posta pubblicitaria nella cassetta delle lettere alla lettura della buonanotte: sulla carta come portatore di informazioni, l’umanità non può più fare a meno. Fa anche parte della nostra vita quotidiana come materiale da imballaggio o carta velina, anche se a malapena lo percepiamo come un prodotto in legno. La silvicoltura è all’inizio di questa catena, fornisce la materia prima. Ragione sufficiente per sapere qualcosa di più sulla nostra carta.

Un sassone inventa la polpa di legno

La carta era una merce scarsa e costosa fino alla metà del XIX secolo. Non era fatto di legno, ma dei pochi stracci di materia prima. Gli stracci sono stracci di vecchi vestiti e tessuti. Per la stampa di giornali nella produzione di massa, questa materia prima era tutt’altro che sufficiente. Nel 1843, il tessitore sassone Friedrich Gottlob Keller (1816-1895) fece un semplice tentativo: serrò una tavola a una pietra per affilare e la sminuzzò con l’aggiunta di acqua. Quando si asciugavano le gocce di latte, rimanevano foglie di carta fine, il terreno. Questa scoperta ha portato Keller a ulteriori esperimenti sistematici che hanno portato all’espansione del processo. Nel 1845, il produttore di carta Heinrich Voelter rilevò il brevetto di Keller e sviluppò ulteriormente la polpa di legno. Di conseguenza, sono state fondate numerose macinacaffè. Nel 1870, in tutta la Germania erano state installate 112 officine per la macinazione del legno, e nel 1879 erano già in funzione 340 impianti.

Midollo impilato di papiro

Fig. 3: Per questo, il midollo del papiro viene posizionato trasversalmente e pressato (Foto: T. Bosch / Deutsches Museum).
La pasta di legno è un processo semplice e meccanico che ha raggiunto una resa del 98% e ha avviato una conversione completa delle materie prime. La carta da giornale ora può essere prodotta con l’80% di legno economico e disponibile. Ma a causa della bassa resistenza della polpa di carta doveva essere aggiunto al 20% di carta straccia a fibra lunga dagli stracci, che era molto più costoso della produzione di pasta di legno.

Decomposizione chimica del legno

Solo con l’invenzione della dissoluzione chimica del legno, in cui viene rimossa la lignina e viene trattenuta solo la cellulosa formante fibre, è stata trovata una sostanza che potrebbe sostituire la carta straccio. Nel 1890, circa 25 diversi processi erano stati sviluppati per recuperare la cellulosa del legno. Alexander Mitscherlich (1836-1918), professore di silvicoltura a Hannoversch Münden, ha influenzato in modo significativo lo sviluppo del processo industriale con la sua ricerca.

In Germania, fino alla seconda guerra mondiale, si diffuse il processo di produzione di pasta di solfuro acido, in cui il legno viene sciolto con solfito di magnesio. È particolarmente adatto per legni a bassa resina. Per il pino ricco di resina, invece, solo il processo di pasta alcalino solfato viene messo in discussione. Pertanto, questo metodo è molto importante per i paesi scandinavi ricchi di pini.

Con la polpa di legno prodotta chimicamente, la proporzione di fibre lunghe nella carta – precedentemente ricavate da stracci – poteva ora essere completamente coperta dal legno del prodotto forestale. Questo finalmente ha aperto un prodotto inesauribile e soprattutto economico.

International paper Triennal

International paper triennal

Il Musée de Charmey, in Svizzera, organizza dal 1993 l’International Paper Triennial, una mostra dedicata agli artisti che usano la carta come materia a sé stante.

In otto edizioni e oltre 20 anni di esistenza , il museo ha ospitato 350 artisti provenienti da 33 paesi diversi. La nona edizione si è svolta durante l’estate 2017.

Creata in collaborazione con Viviane Fontaine, artista svizzera e presidente della giuria, la Triennale offre con le sue ben 9 edizioni un ricco panorama della creazione contemporanea. Dal recupero alla produzione di carta vegetale, dalla cartapesta alle talee, la carta, nella linea pura della sua storia turbolenta, regna sovrana.

Carta, un materiale fatto di fibre

La carta è un mezzo eccellente per la parola scritta, e svolge un ruolo speciale nella creazione.

Accompagna e documenta la storia dell’umanità, persino la sua memoria. La parola evoca sempre una parte importante della storia: la civiltà giapponese e cinese, i papiri egiziani, i manoscritti del Medioevo, le cartiere. Questo termine sembra riassumere una visione perfetta del gesto artigianale, dalla produzione alla creazione, come un collegamento nello spazio e nel tempo, un elemento primordiale di conoscenza e cultura.

La carta nella storia

La carta accompagna l’attività e lo sviluppo dell’uomo, contribuendo alla crescita delle persone che ne hanno padroneggiato la fabbricazione. Nessuna civiltà è stata in grado di farne a meno e tutti hanno assicurato e controllato la sua produzione. L’umanità ha un rapporto speciale con la carta tra economia e cultura, politica e religione. Il massimo supporto per la parola scritta, diffonde la conoscenza e diventa così un simbolo di potere.

È legato alla creazione artistica come supporto per disegni e incisioni multiple. A poco a poco, diventa un soggetto a tutti gli effetti sia nelle Beaux-Arts che nelle Applied Arts, dove presta servizio nella produzione di molti oggetti di mobili giocattolo, dalla preghiera alla decorazione.